E il primo cittadino fornisce una soluzione: “Si fermi tutto e ripensiamo il progetto stadio, per il bene di Firenze, dei fiorentini e della Fiorentina“

"Sono totalmente d'accordo con la Fiorentina. Da amministratore pubblico e anche da tifoso sono davvero molto preoccupato. Il nuovo stadio o il restyling del Franchi poteva farlo Commisso. Il presidente della Fiorentina ha sempre dimostrato volontà e disponibilità. Invece si è deciso di usare soldi pubblici dei cittadini che potevano andare a scuole, case, impianti sportivi del comune o sulle Cascine. Mancano ancora poi 100 milioni, una cifra enorme, davvero difficile da rintracciare in futuro, dato che dopo la grande opportunità del PNRR saranno ben poche le risorse a disposizione dei comuni nei prossimi anni. E' altrettanto preoccupante ed anacronistica la scelta di procedere con il restyling attraverso un appalto pubblico e non con un project financing. E sappiamo quanto sia complesso realizzare opere pubbliche nel nostro Paese. Mancano risorse e i tempi risultano indefiniti. C'è il rischio vero di trasformare il Franchi in un cantiere per anni", a dirlo è il sindaco Francesco Casini oggi capolista della "Lista Al Centro con Saccardi".
 
Infine, il primo cittadino conclude, dichiarandosi d'accordo con la società viola: "Per questo la penso esattamente come la Fiorentina: si fermi tutto e ripensiamo il progetto stadio, per il bene di Firenze, dei fiorentini e della Fiorentina. Siamo ancora in tempo a fermarci e ad avviare un percorso aleternativo e più concreto per dotare Firenze di uno stadio all’altezza".
Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies