Rivolto a chiunque abbia problemi uditivi

Il progetto "Insieme per Comunicare meglio" dell'Azienda Usl Toscana centro ha attivato postazioni con interpreti della Lingua dei Segni Italiana (LIS) in 11 presidi territoriali. Questo servizio, operativo dal 1° luglio scorso, è pensato per migliorare l'accesso ai servizi socio-sanitari e la comunicazione tra persone sorde, con problemi uditivi e gli operatori sanitari.

Gli interpreti LIS sono presenti mensilmente presso i front-office delle Case della Salute e i distretti, facilitando così l'inclusione e l'integrazione delle persone con disabilità uditiva e dei loro familiari. Questi operatori sono stati formati specificamente per svolgere l'interpretariato nei contesti sanitari.

Il progetto è finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Ministero delle Disabilità e è stato deliberato dalla Giunta della regione Toscana. L'iniziativa mira anche a sensibilizzare e formare il personale affinché tutti possano essere pienamente inclusi nei servizi sanitari e socio-sanitari utilizzando la lingua dei segni.

Il direttore generale dell'Azienda Usl Toscana centro, Valerio Mari, ha sottolineato l'importanza di questa iniziativa per promuovere l'accessibilità e l'efficacia dei servizi per tutte le persone, indipendentemente dalle loro capacità comunicative.
Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies