L'azienda fiorentina tra i maggiori player mondiali nel settore sanitario

"Crediamo che questo governo, come peraltro altri governi, ci ascoltino e ci ascolteranno", mentre da parte dell'Unione Europea "un po' di attenzione onestamente manca". Lo ha affermato Lucia Aleotti, vicepresidente di Confindustria e Farmindustria oltre che membro del board e azionista di Menarini, parlando a margine della serata di gala del Premio internazionale Fair Play Menarini oggi a Firenze.
 
"La Cina, gli Stati Uniti stanno facendo passi da gigante
ha spiegato - con incentivi alle loro aziende: e invece in Europa, anche con le ultime normative che sono in discussione, si cerca di tagliare la proprietà intellettuale. Tagliare la proprietà intellettuale significa semplicemente allontanare la ricerca di nuovi farmaci dal nostro continente, e rischiamo di diventare esclusivamente un continente di consumo, senza alcuna crescita nella ricerca, nello sviluppo e nell'occupazione di nuovi giovani scienziati".
Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies