Presidente Confcommercio “a mercè crimine organizzato e bulli“

"Noi imprenditori ci sentiamo vulnerabili e abbandonati nelle mani dei delinquenti: non bastava il crimine organizzato, è evidente che siamo alla mercé di ogni sbandato, perfino di qualche bulletto che si sente autorizzato a fare ciò che vuole, addirittura dentro i nostri locali", "non siamo più disposti ad assistere da testimoni impotenti a questo degrado e a questa intollerabile escalation di violenza". Lo denuncia Aldo Cursano, presidente di Confcommercio Toscana e Confcommercio Firenze-Arezzo, dopo "quanto accaduto al collega di piazza Santo Spirito" aggredito da una gang "al quale va tutta la nostra solidarietà", "un fatto di estrema gravità che richiede una reazione forte e tempestiva delle forze dell'ordine, della politica e delle istituzioni affinché siano ripristinate le condizioni di una convivenza civile, sia per il rispetto di chi lavora ed eroga servizi importanti come i pubblici esercizi, sia di quanti vogliono godersi la città senza paure e condizionamenti".

"La sicurezza, non ci stanchiamo di dirlo, è una priorità - aggiunge Cursano -Abbiamo dimostrato di saper fare la nostra parte, quando si tratta di contribuire alla sicurezza e all'ordine pubblico, ma è impensabile che questi temi possano essere lasciati a chi gestisce un'attività economica. Ogni giorno insieme ai nostri collaboratori ci mettiamo la faccia rispondendo in prima persona alle aggressioni, come ha fatto il collega di piazza Santo Spirito, con tutti i rischi che questo comporta. Ma non vogliamo più vivere nella paura. Vogliamo sentirci protetti e tutelati".
Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies