I sensori per il monitoraggio dei cedimenti saranno mille, montati gradualmente e in anticipo rispetto alla talpa.

I sensori fissi installati in piazza Libertà per monitorare il passaggio della talpa nel tunnel Tav non hanno segnalato problemi fino ad oggi. I lavori procedono a una velocità di dieci metri al giorno, con la fresa che presto attraverserà viale Lavagnini verso la Fortezza da Basso, poi la stazione Belfiore, Rifredi e Castello. I sensori per il monitoraggio dei cedimenti saranno mille, montati gradualmente e in anticipo rispetto alla talpa.

Le terre provenienti dagli scavi, oltre 76.300 metri cubi fino ad ora, verranno impiegate nella rinaturalizzazione della cava di lignite di Santa Barbara, senza impattare la viabilità cittadina grazie al trasporto su convogli ferroviari. In aggiunta, lavori significativi sono già stati completati per la stazione Av Foster e proseguono in varie aree della città, compresa la scuola Ottone Rosai e le vie del Sodo, Cittadella e Ghiacciaie.
Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies