Nel 2016 un gruppo di cittadini presentò denuncia di sparizione, poi nel 2023 un architetto segnalò che l'opera si trovava in vendita su un sito web

Un medaglione con busto di Federico da Montefeltro, duca di Urbino, attribuito a Domenico Rosselli, del diametro di 50 centimetri e trafugato alla fine degli anni Settanta, è stato restituito dal comandante del nucleo carabinieri per la tutela del patrimonio culturale di Firenze Claudio Mauti al Comune.
    
Nel 2016 un gruppo di cittadini presentò denuncia di sparizione, poi nel 2023 un architetto segnalò che l'opera si trovava in vendita su un sito web. La successiva comparazione della foto del bene con quelle contenute nella 'Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti' in uso ai carabinieri ha portato all'accertamento dell'illecita provenienza.

    
Nel dettaglio l'opera coincideva al tondo che era stato asportato, tra il 1976 e il 2000, dalla facciata lato Nord della villa del complesso di Rusciano, di proprietà del Comune di
Firenze. Anche la soprintendenza, il Ministero della Cultura (attraverso un esame tecnico-scientifico) e l'Opificio delle Pietre Dure di Firenze hanno confermato che si trattava proprio del medaglione con busto di Federico da Montefeltro.
    
"È un grande ritrovamento - ha detto la vicesindaca e assessora alla Cultura Alessia Bettini -. Ospiteremo l'opera per due mesi nella Sala di Lorenzo di Palazzo Vecchio. E' stato un lavoro prezioso di ricerca, custodia, amore per il patrimonio artistico della nostra città".
Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies