“Vedo un'istituzione che lavora per l'eccellenza”, afferma Fuortes

Al Maggio Musicale Fiorentino "le cose stanno andando benissimo", perché "vedo un'istituzione che lavora per l'eccellenza e si potrà arrivare a dei grandissimi risultati". Lo ha affermato Carlo Fuortes, sovrintendente del Maggio, che con il maestro Daniele Gatti e il regista Massimo Popolizio ha presentato la Tosca che andrà in scena il 24 e 26 maggio, il 3, 6 e 8 giugno.
    
"E' la prima produzione da quando sono qui, e se il buongiorno si vede dal mattino...", ha proseguito Fuortes, secondo cui "le scene sono molto belle, realizzate in modo magnifico, i costumi altrettanto, il palcoscenico, e anche la parte amministrativa che è fondamentale".

Quindi, per il sovrintendente, la Tosca "può dare l'idea di tutto il futuro del teatro, è una nuova produzione che dà la misura del livello raggiunto", e la "biglietteria quasi esaurita" mostra che "quello della sostenibilità economica finanziaria dello spettacolo è un problema superato".
Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies