Il Ministero fondamentale per il salvataggio materiale

"Riguardo al Maggio Musicale Fiorentino non voglio fare polemica, ma se non ci fosse stato il ministero della Cultura non avremmo avuto il suo rilancio sia per quanto concerne il salvataggio materiale, come risorse economiche, e poi la capacità di individuare una professionalità come quella di Carlo Fuortes che poteva fare bene". Lo ha detto il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano a margine di un incontro elettorale a Firenze.

"Noi -ha aggiunto il ministro Sangiuliano- a Firenze 
stiamo facendo tante cose: inaugureremo il nuovo Corridoio Vasariano, cioè il ripristino del Corridoio Vasariano, stiamo intervenendo sulla facciata di Palazzo Pitti, poi ho reso museo di prima fascia quello che nasce dall'unione del Bargello con l'Accademia, poi abbiamo reso autonomo il museo Archeologico dove c'è un nuovo dirigente, insomma stiamo facendo tanti investimenti".

Per quanto riguarda gli Uffizi, "una nuova 
biglietteria, nuovi accessi, insomma stiamo lavorando tantissimo su Firenze convinti che il nostro patrimonio culturale è innanzitutto un grande valore spirituale. La cultura è un qualcosa che ci fa star bene tutti quanti ma rappresenta anche una straordinaria occasione di sviluppo socio-economico per la nazione e noi lavoriamo in questa direzione".
Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies