Ora rischiano da sei mesi a 3 anni di carcere e la multa fino a 50.000 euro

La polizia municipale ha scoperto una farmacia abusiva a Prato e ha denunciato il titolare, un cinese 30enne, e la dipendente in concorso per l'esercizio abusivo della professione di farmacista. Ora rischiano da sei mesi a 3 anni di carcere e la multa fino a 50.000 euro. L'attività, situata in via Pistoiese, si presentava come un'erboristeria, ma dentro sono state trovate confezioni di antinfiammatori, antibiotici, contraccettivi, pillole dimagranti, botulino e farmaci per la disfunzione erettile, in tutto 47 scatole di medicinali soggetti a prescrizioni medica e che il personale addetto non poteva vendere, anche perché sprovvisto del titolo di farmacista.
     
Le fiale di botulino avevano un valore commerciale di 385 euro a scatola, inoltre non tutti i medicinali risultavano etichettati con fustella italiana dell'Aifa: alcune scatole riportavano l'etichettatura della corrispondente agenzia della Grecia, verosimilmente acquistate per corrispondenza da farmacie compiacenti. Tutti i medicinali sono stati posti sotto sequestro penale.
Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies