Appuntamento giovedì 13 giugno

Il maestro Zubin Mehta, direttore emerito a vita, salirà sul podio, alla guida dell'Orchestra e del Coro del Maggio, per il concerto sinfonico corale conclusivo dell'86/a edizione del Festival del Maggio Musicale Fiorentino.
     
Iniziato il 13 aprile scorso, esattamente dopo tre mesi di programmazione lirica e sinfonica, il Festival giunge al termine con l'appuntamento di domani, giovedì 13 giugno, alle 20, nella Sala proprio intitolata a Mehta. Il maestro del Coro del Maggio è Lorenzo Fratini.

    
Il concerto del maestro Mehta, a pochi giorni dalle due tournée che lo vedrà protagonista, insieme all'Orchestra e al Coro del Maggio prima in Cina a Tianjin e a Beijing, segna inoltre un altro tutto esaurito per questa edizione del Festival del Maggio.

     
In cartellone, in apertura alla serata, la ballata gotica Der Feuerreiter di Hugo Wolf, estratta dalla sua raccolta Zwölf Lieder nach Gedichten von Eduard Mörike e composta nel 1892. Segue una delle più amate composizioni di Frédéric Chopin, il Concerto n. 2 in fa minore per pianoforte e orchestra op. 21. Protagonista al pianoforte nel Concerto n. 2 Alexander Gadjiev, al suo debutto assoluto al Teatro del Maggio. Gadjiev suona un pianoforte Shigeru Kawai Sk-Ex. Chiude il concerto la Sinfonia n. 7 in re minore op. 70 di Antonín Dvořák.
Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies