Intanto la Regione Toscana rassicura

Gli alluvionati hanno affrontato ingenti spese, ricevendo solo un primo contributo di 3000 euro dalla Regione. Inoltre, gli sfollati stanno subendo ritardi nell'erogazione del CAS (contributo di autonoma sistemazione), che varia da 400 a 900 euro mensili a seconda del nucleo familiare. Finora, sono stati erogati solo i contributi per novembre, dicembre e gennaio. A maggio erano stati promessi altri fondi, ma non sono ancora arrivati.

Attualmente, 150 persone non sono ancora rientrate nelle loro case, di cui 116 a Campi Bisenzio. Molti, come Barbara e Stefano Landi, vivono ospitati da parenti. I lavori di riparazione sono lenti, complicati dalla necessità di asciugare le strutture e dalla saturazione delle aziende di costruzione. Alcuni si chiedono se sarà sicuro rientrare senza una messa in sicurezza del territorio, motivo per cui manifesteranno domani.

La Regione ha spiegato che i ritardi nell'erogazione del CAS sono dovuti a tempi tecnici, non a mancanza di risorse. I fondi sono nella prima tranche governativa e saranno trasferiti ai Comuni a breve. A giugno, gli importi dovrebbero essere versati sui conti correnti delle famiglie per il trimestre febbraio-aprile. Tuttavia, c'è molta confusione organizzativa e burocratica, con molte persone che in sette mesi hanno visto pochi risultati.

Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies