“Spot elettorale mal riuscito, non coinvolta Conferenza Regioni”, afferma Bezzini

"Il decreto sulle liste d'attesa è uno spot elettorale mal riuscito". Così l'assessore al Diritto alla salute della Regione Toscana Simone Bezzini commenta l'approvazione del decreto per abbattere le liste d'attesa, passato oggi per il Consiglio dei ministri.
     
"Si tratta di un atto in gran parte ridondante che non tiene conto degli strumenti già esistenti - sottolinea -, un provvedimento privo delle innovazioni organizzative e di strategie per promuovere l'appropriatezza che sarebbero veramente necessarie per contenere il fenomeno delle liste d'attesa. Tutto ciò è ben evidenziato nelle diciotto pagine di rilievi critici sollevati dai tecnici delle Regioni".

       
"La cosa più grave è inoltre che non prevede fondi aggiuntivi"
una scelta che secondo Bezzini "conferma la volontà del governo di andare verso la privatizzazione del sistema sanitario". "Anche la revisione dei tetti di spesa per il personale, senza il relativo aumento di risorse, è uno specchietto per le allodole".
    
" Su questo decreto - aggiunge poi - non c'è stato alcun coinvolgimento della Conferenza delle Regioni e questo credo rappresenti un vero e proprio vulnus istituzionale. Gli assessori alla sanità sono stati convocati solo ieri e, in quella sede, abbiamo appreso che da diverse settimane il ministero stava lavorando al provvedimento. Il contenuto ci è stato esposto a voce, salvo poi veder circolare una relazione del tutto discordante rispetto a quanto ci era stato riferito. Un modo del tutto discutibile di procedere".

     
"Durante la riunione tutti gli assessori, indipendentemente dal colore politico, si sono dichiarati disponibili a confrontarsi - conclude Bezzini - e a lavorare ad una terapia d'urto condivisa per contenere il fenomeno delle liste d'attesa. Ma l'invito non è stato accolto". "Si sta giocando sulla pelle delle persone che hanno bisogno di cure, calpestando sempre di più - conclude - le corrette relazioni tra istituzioni dello Stato".

Sponsor

Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies