I sequestri rientrano nell'indagine sulla presunta associazione a delinquere attiva nel centro di Firenze

Un anello con diamanti e un brillante, due Ferrari, tra cui una Testarossa, oltre un chilo e mezzo di collante e bracciali in oro, denaro in contanti per 476.200 euro, quote di srl proprietarie di un bar e un ristorante. Beni per un valore di circa 2 milioni di euro, che sono stati sequestrati dagli investigatori della guardia di finanza nell'ambito dell'inchiesta della Dda di Firenze su una presunta associazione per delinquere composta da italiani e albanesi che avrebbe acquisito numerosi ristoranti e bar nel centro storico del capoluogo toscano usando proventi illeciti.

Il piccolo tesoro sequestrato è ritenuto dalla procura e dal gip Piergiorgio Ponticelli, provento di appropriazione indebita e frutto del reinvestimento di entrate illecitamente accumulate.     

L'inchiesta era stata resa nota il 27 maggio scorso con le perquisizioni di otto locali nel cuore di Firenze riconducibili all'imprenditore 49enne fiorentino della ristorazione Alessandro Bigi (diventato nel dicembre scorso presidente della società sportiva dilettantistica Ischia Calcio) e al socio albanese Eluert Kamami, 40 anni.

I due, dal 2012, secondo l'accusa, sarebbero riusciti ad acquisire o ad affittare 31 attività di ristorazione nel centro storico di Firenze, due alberghi, attività di noleggio auto, una produzione di birra, per un valore di denaro riciclato di circa 13,5 milioni di euro.   
I proventi illeciti accumulati, secondo la procura sarebbero stati reinvestiti anche in auto di lusso, gioielli e nell'acquisizione delle quote dell'Ischia calcio. Le due Ferrari, l'anello con diamanti e gioielli, oltre 225.000 euro in contanti, conservati nella cassaforte della sua abitazione, sono stati sequestrati ad Alessandro Bigi. Sono stati posti i sigilli a 186.075 mila euro in contanti nell'abitazione di Eluert Kamami.      

Nuove perquisizioni sono state fatte ieri, 9 luglio, in altri 14 locali tra ristoranti e bar, sempre nel centro storico di Firenze: Osteria del proconsolo, la Braceria dei tre amici in via del Proconsolo, l'Osteria del Fiore in piazza Duomo, la Casa del Vinsanto in via Porta Rossa, l'Osteria da Caterina in via Ghibellina, l'osteria Le Pietre e il Caffè della Galleria in piazza Pitti, la Tenda rossa in via dei Magazzini, il Caffe della Galleria in piazza Pitti, Borgo Saccardi in via delle Padule, il Museo della Bistecca in via dei Lamberti, il Cimatori 30 Osteria in via dei Cimatori, i tre Pepi in via dell'Anguillara, l'Osteria San Fiorenzo in Borgo dei Greci e il Caminetto in via dello Studio.
Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies