Organizzazione capillare per la partenza tra una settimana

"La Regione con i professionisti del suo sistema sanitario e grazie alle associazioni di volontariato darà il suo contributo a questo appuntamento storico. Quello che metteremo in campo è un piano globale di assistenza sanitaria e di emergenza a favore degli atleti e di tutti gli addetti alla manifestazione sportiva". Il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, evidenzia il senso e gli scopi del piano globale di assistenza in vista del Tour de France che partirà da Firenze il prossimo 29 giugno.

L'obbiettivo del piano globale di assistenza 
sanitaria è: garantire l'assistenza sanitaria di emergenza pre-ospedaliera ed ospedaliera agli atleti e agli addetti della manifestazione sportiva (in base al piano sanitario dedicato predisposto dagli organizzatori), agli spettatori che presenziano a qualsiasi titolo e alla popolazione residente; garantire le attività sanitarie non di emergenza come le dialisi e le terapie oncologiche; censire e supportare la popolazione residente appartenente alla categoria dei "fragili" e che potrebbero abitare all'interno delle strade chiuse dal percorso della gara.

Sponsor

Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies