La nuova punta della Fiorentina è il ragazzo dei record: è stato il primo classe 2000 a segnare in uno dei maggiori campionati europei

Nella giornata di ieri l’accordo tra Juventus e Fiorentina è stato trovato: Moise Kean è il primo acquisto viola della sessione di mercato estiva 2024. L’ormai ex attaccante bianconero approderà a Firenze a titolo definitivo per una cifra di 13 milioni di euro di parte fissa più 5 di bonus di cui 2 facilmente raggiungibili. Per il classe 2000 è pronto un quinquennale da 2,2 milioni a stagione più bonus.

La società bianconera ha visto crescere Kean dai 10 anni ad oggi. Nel 2016 avvenne l'esordio in prima squadra all'età di 16 anni e 9 mesi, entrando al posto di Mandzukic il 19 novembre 2016 contro il Pescara. Tre giorni dopo, invece, fu lanciato in campo in Champions League contro il Siviglia, diventando così il primo calciatore nato nel 2000 ad esordire sia in A che in Europa. Il primo gol a 17 anni, il 27 maggio 2017 contro il Bologna diventando anche il primo classe 2000 a segnare in uno dei maggiori campionati europei. A questo ci ha aggiunto anche, a 20 anni e 243 giorni, l'essere diventato il calciatore italiano più giovane a segnare un gol in Champions League alla sua prima presenza da titolare, superando il precedente record di Alessandro Del Piero.

Il vero salto però Kean lo fa all'Hellas Verona dove in una stagione trova spazio e continuità, mostrando tutte le sue potenzialità tanto da attirare le attenzioni di mezza Europa che culminano, dopo una stagione alla Juventus, nel trasferimento prima all'Everton e poi al PSG. A partire dal 2021 torna alla Juventus che ne riscatta il cartellino e punta su di lui senza però mai trovare quella continuità sperata. La rottura col club bianconero lo scorso gennaio, quando dopo aver trovato poco spazio arriva l'ok al prestito all'Atletico Madrid con cui però le cose vanno male a causa di un problema fisico riscontrato dai colchoneros. Ora una nuova vita: Moise Kean sarà il prossimo attaccante della Fiorentina. 

Sponsor

Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies