Al centro della protesta il mancato rinnovo del Contratto regionale scaduto da 17 mesi

Saranno garantite le retribuzioni degli operai forestali della Toscana. Lo ha assicurato il presidente della Regione Eugenio Giani che stamani ha ricevuto una delegazione dei lavoratori e dei sindacati in un incontro avvenuto a margine della loro protesta avvenuta davanti a Palazzo Strozzi Sacrati, sede della Regione, in piazza Duomo a Firenze. Presente anche un delegato di Anci Toscana.
     
Al centro della protesta il mancato rinnovo del Contratto regionale scaduto da 17 mesi e la necessità di ridefinire la governance della delega forestale. Oltre ad assicurare le retribuzioni degli operai per il servizio prestato, spiega una nota, Giani ha manifestato la disponibilità a trasferire eventuali e ulteriori risorse aggiuntive per il rinnovo del contratto di categoria scaduto. Per quanto riguarda la gestione del servizio, ha annunciato l'apertura di un tavolo sulla governance della forestazione che possa assicurare la migliore gestione del patrimonio forestale regionale.

   
 I sindacati Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil Toscana spiegano che "dopo un confronto acceso e di merito, Giani si è impegnato, nella prossima variazione di bilancio, a ripristinare le risorse complessive utili alla gestione della delega forestale e ulteriori risorse per il rinnovo del contratto, da quantificare a seguito della riapertura del tavolo di trattativa con Anci Toscana". Le sigle sindacali attendono "in tempi rapidi la convocazione da parte di Anci per la riapertura della contrattazione, per definire e sottoscrivere concretamente il rinnovo del contratto regionale scaduto" che interessa "400 operai forestali". 
Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies