È la regione italiana dove la spesa è cresciuta di più

La Toscana è la regione italiana dove i consumi di beni durevoli sono cresciuti di più nel 2023: secondo la 30/a edizione dell'Osservatorio Findomestic realizzato in collaborazione con Prometeia, i 5,619 miliardi di euro spesi, con un incremento dell'11% sul 2022 (contro il +8,9% medio nazionale), valgono alla regione il 6/o posto in Italia. A livello provinciale, l'incremento più importante nei consumi si è registrato a Firenze (+13%, 1,593 miliardi di euro).
    
La spesa per famiglia in Toscana è seconda solo a quella del Trentino-Alto Adige, con 3.363 euro. Fra le province il dato più alto appartiene a Pisa: con 3.491 euro è la prima in regione e la 5/a classificata nella graduatoria delle 107 province italiane. La Toscana guida anche la classifica regionale nella crescita di spesa media per famiglia: +11,2%. Il livello dei redditi per abitante ha raggiunto i 24.147 euro, quasi 1.370 euro in più rispetto al dato italiano. Per quanto riguarda le province sono cresciute di più Siena (+6%), e
Firenze(+7,2%) che con 27.073 euro per abitante è all'8/o posto nazionale per reddito procapite.
    
"I comparti più dinamici - afferma Claudio Bardazzi, responsabile dell'Osservatorio Findomestic - sono quelli legati alla mobilità, con la spesa in crescita del 25,5% per le auto nuove (1,631 miliardi) e del 20% per le usate (1,368 miliardi), superiori sia rispetto alla media italiana che alla macroarea di riferimento. In aumento del 23,3% anche i motoveicoli (211 milioni), la spesa per elettrodomestici (4,5%, 440 milioni) e mobili (1,4% per 1,245 miliardi) entrambi con variazioni superiori rispetto alla media nazionale. Le altre voci di consumo invece risultano in calo, dopo un periodo di crescita come nel caso della telefonia (-2,9%); ancora peggio è andata l'information technology (-4,7%), per non parlare dell'elettronica di consumo (-28,6%)".
Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies