Countdown verso lo zero per la Finale di Conference

Ci siamo! L'attesa sta per terminare. Il countdown per quella che si annuncia come la 'partita dell’anno' per la Fiorentina è ormai prossimo allo zero. Questione di ore, poi sarà tempo di fare sul serio.
 
TROFEO. C'è fame di vittoria in chi tifa viola. Quel doppio appuntamento con la storia sfiorato, ma poi svanito, dodici mesi fa, ha aumentato l'astinenza di una piazza che non alza una coppa dal 2001. Poco importa se quella di Atene sarà l'ultima in maglia viola per quasi una rosa intera, tra chi è in prestito e farà ritorno al club di appartenenza, chi non sarà riscattato e chi si svincolerà a parametro zero. Su tutti, ovviamente, Vincenzo Italiano. Il tecnico viola, nonostante una clausola che potrebbe scattare in caso di vittoria con l'Olympiacos, andrà comunque via. La valigia è già pronta ormai da settimane. L'obiettivo è chiaro: metterci dentro, insieme ai ricordi, la medaglia del vincitore. Più di una volta il popolo viola gli ha cantato "oh Vincenzo portaci la coppa", che fosse quella Nazionale a Roma, quella europea dell'anno scorso o questa. Stavolta sarebbe anche il caso di trasformare quei cori in fatti. Lo vuole Italiano, lo vuole la Fiorentina, lo vuole Firenze.
 
FUTURO. Poi, da giovedì, che sia con una coppa in più in bacheca o meno, sarà la volta del giorno uno del futuro. Un nuovo allenatore, un nuovo direttore tecnico (tutto porta al tandem Palladino –Goretti), tante operazioni da fare in entrata e in uscita e si spera una coppa differente da quella in cui la Fiorentina ha giocato gli ultimi due anni. Chi dice che l'esito della gara di mercoledì non sposterà granché, perché comunque la squadra viola giocherà in ogni caso una coppa europea l'anno prossimo, rischia di sottovalutare la differenza di valori che c’è tra Europa League e Conference League. A maggior ragione per una Fiorentina che ripartirà con tante novità e di conseguenza poca esperienza, tecnico su tutti. Partire, pronti via, in salita è quanto di meno auspicabile potrebbe esserci. Ma intanto c'è da pensare all'oggi, alla Finale di Conference League, sperando che 'Vincenzo porti a Firenze quella agognata coppa'.
Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies