Sara Funaro, neo sindaca, è in un momento delicato poiché sta definendo la squadra di governo

Sara Funaro, neo sindaca, è in un momento delicato poiché sta definendo la squadra di governo per i prossimi cinque anni. La sua coalizione è ampia e deve evitare di scontentare qualcuno. Una delle priorità è la scelta dell'assessore alla Cultura, posizione chiave per la città. Tra i candidati, molti sostengono un ritorno di Tommaso Sacchi, attualmente nella giunta Sala a Milano e già assessore alla Cultura con Nardella. Altri nomi suggeriti includono Giorgio Van Straten, Cristina Acidini, Antonio Natali e Sergio Risaliti.

Sergio Givone, ex assessore alla Cultura nella giunta Renzi, sostiene che il ruolo debba essere affidato a un intellettuale con una visione chiara e coraggio nelle scelte. Arturo Galansino, direttore della Fondazione Palazzo Strozzi, concorda sull'importanza di un assessore entusiasta e presente, e si dice favorevole a un possibile ritorno di Sacchi.

L'architetto Marco Casamonti suggerisce la nomina di un manager per gestire le numerose mostre ed eventi che caratterizzano Firenze, sottolineando l'importanza del legame tra cultura e turismo.

Oltre alla Cultura, Funaro deve decidere anche chi guiderà l'assessorato alla Mobilità. Uno dei nomi in discussione è quello di Stefano Ciurnelli, esperto che ha già lavorato sul Piano Urbano della Mobilità Sostenibile di Firenze.
Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies