Lo afferma con un comunicato Elena Meini (Lega)

"Il gravissimo episodio di criminalità accaduto a Cascina dovrebbe far seriamente riflettere chi amministra la città, "una scena da Far West che avrebbe potuto anche coinvolgere pure cittadini estranei a questa sorta di regolamento di conti" ma "in questo Comune non c'è nessuno, nell'ambito dell'amministrazione, che si occupi veramente della sicurezza, tema che non interessa al Pd e che tende sempre a sminuire". Lo afferma con un comunicato Elena Meini (Lega), consigliere regionale in Toscana e comunale, sull'agguato a colpi di pistola avvenuto a Cascina (Pisa). Un uomo è rimasto ferito da tre spari ed è stato ricoverato in ospedale.
       
"Chiederemo immediatamente un incontro in prefettura", anticipa Meini, intanto "cosa ne pensa, quindi, il sindaco di quanto successo?". La consigliera leghista ricorda che "lo scorso anno una baby gang ha terrorizzato il centro di Cascina, vi sono mendicanti presenti ai mercati ed ai parcheggi, leggiamo oggi di furti aumentati nelle frazioni ed ora una sparatoria: non occuparsene è una carenza intollerabile".
Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies