“Ma non mi pare ci sia fretta di voler parlare con noi…”

In vista del ballottaggio tra Sara Funaro ed Eike Schmidt "non mi pare che ci sia tutta questa fretta di voler venire a parlare con noi: parliamo sempre con tutti, ho sempre detto che rispondo al telefono a chiunque, quindi se si ha voglia di ragionare con noi, senza arroganza e con disponibilità, noi siamo sempre disponibili". Lo ha affermato Stefania Saccardi, candidata a sindaco di Firenze, commentando i risultati parziali con la stampa nella sede di Italia Viva.

"Ho sempre detto che comunque i matrimoni si fanno in due - ha detto -, e i percorsi si fanno se insieme andiamo dalla stessa parte. È chiaro che in un sistema proporzionale le cose sarebbero forse andate diversamente, ma in un sistema come quello del doppio turno delle elezioni a sindaco è chiaro che la polarizzazione pesa di più e si spinge di più su questo".

"Ho sempre detto che si può cambiare squadra senza cambiare campo, quindi il nostro campo di appartenenza è già chiaro fin dall'inizio, non è mai stato diverso - ha aggiunto -. E abbiamo sempre detto che sia io che altri saremmo stati disponibili anche a fare le primarie, quindi a non avere alcuna spaccatura, oppure a sedersi per un accordo, ma tutto questo non è stato possibile. Per ricompattarsi ci vuole la volontà, ma ci vuole soprattutto anche una condivisione di obiettivi. Se ci sono, si va avanti".

Adesso, ha concluso Saccardi, "ci prendiamo due o tre giorni di pausa. Io naturalmente continuo a lavorare in Regione, come ho sempre fatto senza mai smettere, e poi faremo le nostre valutazioni: faremo anche un'analisi del voto e poi vedremo anche qual è il risultato complessivo".

Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies