E aggiunge: “Chi paragona le due realtà dimostra di non conoscere affatto questa zona di Firenze“

"Le Piagge non sono assolutamente Caivano. Chi paragona le due realtà dimostra di non conoscere affatto questa zona di Firenze", "sono diventate un laboratorio straordinario di inclusione sociale grazie all'operato del Comune di Firenze e all'indispensabile lavoro che svolgono le tante varie realtà educative, sociali e associative che lavorano sul territorio". Lo dichiara la candidata sindaco del centrosinistra a Firenze Sara Funaro al termine della passeggiata per incontrare i cittadini alle Piagge.

In una nota Funaro sottolinea il candidato del centrodestra Eike Schmidt "non conosce affatto" le Piagge, "le ha visitate per la prima volta in vita sua in occasione di un mini tour da campagna elettorale, mentre io le conosco da sempre e da assessora, negli ultimi 10 anni, ho avuto modo di toccare con mano lo straordinario potenziale di questa parte della città".

"Come amministrazione, la nostra priorità è stata portare progetti inclusivi su tutto il territorio fiorentino - aggiunge la donna -. In questo rione del Quartiere 5 sono tante le attività rivolte a ogni fascia di età, a partire dai progetti del doposcuola, fino a quelli di inclusione sociale, passando da tutta una serie di azioni mirate per le scuole e per dare supporto a chi vive in condizioni di fragilità sociale".

"Da quando mi occupo di politica ho sempre operato in prima linea per combattere le situazioni di fragilità e illegalità - conclude la politica -, perché le regole devono essere rispettate da tutti. Un esempio su tutti è la questione delle case popolari: non è un caso che questa e la scorsa amministrazione hanno operato per liberare gli alloggi dalle le occupazioni abusive, senza l'uso della forza. Condanniamo la violenza e le aggressioni, come quelle di ieri e dei giorni scorsi, esprimendo solidarietà e vicinanza alle giornaliste aggredite".
Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies